Massaggio infantile, un momento speciale dedicato a bimbi e genitori

Il massaggio è uno dei sistemi più efficaci per coccolare, tranquillizzare il bimbo e comunicargli quella pace e sicurezza che caratterizzavano la sua vita quando era nella pancia della mamma. 

Il Massaggio Infantile è una pratica sviluppata negli anni 70 negli Stati Uniti da Vimala McClure che, combinando alcuni massaggi tradizionali indiani con elementi di massaggio svedese, riflessologia e yoga mette a punto una sequenza di massaggi specifica per superare i problemi di sonno, coliche e disturbi all’intestino grazie alla stimolazione tattile e al rilassamento indotto dal contatto fisico.

Quello che lo contraddistingue da altri tipi di massaggi neonatali è l’attenta osservazione delle reazioni del bambino grazie alla quale i genitori non massaggiano passivamente ma imparano a capire e rispondere ai bisogni del bimbo in maniera del tutto naturale ed istintiva.

Può essere effettuato dalla nascita fino a 12 mesi ma anche oltre perché viene modificato a seconda delle fasi dello sviluppo del bambino. Non ha controindicazioni.

Imparare a massaggiare il proprio bimbo significa avere a disposizione uno strumento per comunicare meglio con lui , stabilire un contatto profondo attraverso cui rafforzare la propria relazione.

 

Come imparare a fare il massaggio?

Tutti i genitori possono imparare facilmente a massaggiare il proprio bambino partecipando a un corso di massaggio infantile tenuto dall’Associazione Italiana Massaggio Infantile (AIMI).

Il corso – aperto sia alle mamme che ai papà – si articola in genere in 5 incontri della durata di un’ora e mezza circa con un tema differente dove oltre ad imparare il massaggio hanno la possibilità di confrontarsi e socializzare in un’esperienza molto stimolante e arricchente.

Quali sono i benefici?

 

Stimolazione di tutti i sistemi del corpo (cardiocircolatorio, respiratorio, gastrointestinale)

Rilassamento: calma e facilita il sonno, il movimento ritmico delle mani del genitore e la ripetitività dei gesti facilitano l’acquisizione del ritmo sonno-sveglia

Sollievo: attivando le endorfine allieva i dolori del mal di pancia o della dentizione

Interazione genitore bimbo: facilita lo scambio di messaggi affettivi e sprigiona benessere psico emotivo sia nell’adulto che lo pratica che nel bimbo che lo riceve.

Alessandra Caimi

www.waterwoman.it

immagine www.bambinonaturale.it

 


Ti potrebbe interessare anche:

1 commento

  1. Veramente molto interessante e mi permetterebbe di ritagliarmi momenti privilegiati con ognuno dei miei bimbi <3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Accetto