Corredino? Sì, ma senza metallo!

Da quando sono diventata mamma pongo un’attenzione differente  a quello che vedo, che leggo , che incontro. Sarà anche un luogo comune ma diventare mamma ci fa diventare più sensibile, emotive. Ci fa entrare in sintonia con altre mamma e con le loro storie. 

Forse per questo motivo ho deciso di raccontarvi di un neonato progetto  che nasce da una storia cominciata con fatica ma a lieto fine. 

Antonella  è mamma di una bimba nata con una rara malformazione congenita per la quale viene ricoverata a lungo in ospedale. In questo periodo la piccola è spesso sottoposta ad indagini diagnostiche, esame in cui non è possibile indossare metallo: neppure quello dei  bottoncini automatici presenti nei classici body intimi. Intorno a queste sue nuove esigenze viene alla luce Zàcchete un progetto di intimo per bambini.  

Il primo capo è un body senza automatici in metallo. Un nuovo tipo di body che è stato utile alla piccola durante i  controlli diagnostici e che può essere utile ad altri bambini con le medesime problematiche.  

 

 

Ma non è solo questo. Il body presenta, al posto degli automatici, una nuova allacciatura in morbido velcro che rende il capo molto versatile.  

Dal facile utilizzo perché non è più necessario lottare con quei ‘fastidiosi’ automatici. 

Regolabile perché l’allacciatura permette di ‘fissare’ la misura corretta sulla reale altezza del bambino. Allungabile e con una vestibilità di circa tre taglie. 

Montessoriano perché utilizzabile in autonomia da chi un po’ più grande ha voglia di fare da solo. 

Consigliabile con i lavabili perché il cavallo ha una vestibilità più ampia e comoda. 

Sostenibile in quanto utilizzabile più a lungo ed ovviamente prodotto artigianalmente in Italia. 

Il body è stato testato e realizzato in una piccola produzione campione. Chi ha avuto la ‘fortuna’ di provarlo lo ha trovato comodo, utile e bello. 

Il passo successivo  è quella di realizzare una vera ‘prima produzione’ per poter  trasformare questo progetto pilota in un reale progetto imprenditoriale per fare dei capi campione i primi capi di una intera linea di abbigliamento intimo per bebè.  

A questo scopo verrà organizzata una campagna di crowdfunding  di prevendita per poter avviare la prima produzione . Questa avrà anche lo scopo di continuare la collaborazione avviata con l’istituto pediatrico G. Gaslini di Genova e l’ospedale dei bambini V.Buzzi di Milano.

Per conoscere i dettagli del prodotto collegati al sito www.zacchete.it

Per  rimanere informata sugli sviluppi del progetto metti mi piace e segui le pagine social, Fb e Ig !

 


Ti potrebbe interessare anche:

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Accetto