I bambini che saltano la colazione hanno meno memoria visiva

Che la colazione abbia un ruolo fondamentale nella salute di grandi e piccini è ormai risaputo, ma che producesse ricadute anche sulla capacità di memoria è una sorpresa per tanti. A renderlo noto è una ricerca pubblicata sulle pagine della rivista specializzata European J. Clinical Nutrition. Secondo i ricercatori i bambini e i ragazzi che non effettuano la prima colazione hanno una memoria visiva inferiore, una capacità di attenzione insufficiente con minori performance cognitive. Le ricadute di una colazione insufficiente o non realizzata affatto, si sentono in maggiormente sui bambini tra i quattro ed i dieci anni che hanno bisogno, per le caratteristiche del loro metabolismo, di una quantità superiore di glucosio nel sangue.
Insomma la colazione è un momento essenziale per garantire ai piccoli una sufficiente concentrazione durante le ore successive della giornata con riflessi immediati sulle performance scolastiche. Proprio in questi giorni uno studio dell’Osservatorio nutrizionale Grana Padano ha rivelato come siano il 20% del totale i ragazzi, con un’età compresa tra i quattordici ed i diciassette anni, che saltano la colazione con ricadute inevitabili sullo stato di salute. Un allarme che si somma alla percentuale del 50% degli adolescenti che abusa di bevande zuccherate.
La colazione è un pasto importante e non va mai saltato, si consiglia una parte di carboidrati come pane o fette biscottate oppure cereali, meglio se integrali, con latte o yogurt. Si può utilizzare anche una piccola quantità di marmellata o miele da spalmare oppure per dolcificare le bevande. Per quanto riguarda spuntini e merenda: preferire frutta fresca di stagione, oppure un yogurt magro anche alla frutta, in alcuni casi si possono consigliare anche spuntini salati, pane e formaggio, soprattutto se il ragazzo deve sostenere attività fisica. Ampio il capitolo di frutta e verdura: consumare tre porzioni di frutta e due di verdura al giorno per assicurare vitamine, sali minerali e la giusta quantità di fibra. Per quanto concerne i dolci, usare con moderazione, gelati o pasticceria una volta a settimana, limitare lo zucchero aggiunto e le bibite zuccherate, prediligere frullati o spremute, a tavola bere solo acqua.

Font Farmacia di Muria.


Ti potrebbe interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Accetto