Orgogliosa del nostro papà

Oggi voglio condividere con voi un ulteriore storia, sto parlando di una mamma che anni addietro si è ritrovata sola nel momento più importante della sua vita, la protagonista si chiama Mina e seppur spaventata per l’assenza del marito, un militare arruolato in missioni, ha comunque affrontato il parto magnificamente.

Ciao a tutte, mi chiamo Mina e oggi sono mamma di 2 ragazze. Entrambe le gravidanze non sono state particolarmente difficili o con gravi complicanze, ma hanno comunque lasciato un segno indelebile nel mio cuore. Per la mia primogenita Martina, il parto è stato naturale ed asciutto con ben 12 ore di travaglio. Non è questo ciò che mi spaventava, ma lo era il ritrovarmi sola alla prima gravidanza e con un marito lontano, difatti conobbe nostra figlia quando la piccola aveva già 3 mesi.

Con Gaia la nostra seconda figlia, mio marito ha avuto il piacere di assistere al parto ed io di esser supportata in un momento cosi delicato e travagliato, causa cordone ombelicale avvolto al collo della piccola.  Ricordo il ginecologo che saltava sulla mia pancia affinché Gaia uscisse, risultato? Ben tre giri di cordone ombelicale e frattura spalla della bambina, ma ringraziando Dio viva e nonostante io fossi stanca o stremata dal brutto parto toccavo il cielo con un dito per la felicità.

Queste esperienze sono sempre vive in me ed incoraggio sempre le future mamme , specie se hanno un marito militare che potrebbe essere lontano in un momento così bello e delicato come la nascita di un figlio. Mi ritengo fortunata e auguro a tutte di non mollare e di non abbattersi, ma soprattutto di godere ogni attimo e giorno di vita con i propri figli, il dono più bello e prezioso.

 

Grazie Mina per aver scelto il mio blog per raccontarti, un grosso abbraccio va a te, alle tue figlie Martina e Gaia… e non dimentichiamoci del papà!

 

 


Ti potrebbe interessare anche:

4 commenti

  1. Grazie a te per questa possibilità. Non mi resta che fare un grande in bocca al lupo alle mamme e al tuo blog , dove avrò sicuramente il piacere di leggere altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Accetto