Prenditi il tuo tempo – si ma come?

Si lo so, tua figlia è la cosa più bella che hai, la luce dei tuoi occhi, la ragione della tua vita. Quindi non devi affatto sentirti in colpa se qualche volta ti ritrovi a pensare che magari ti piacerebbe vedere un film ogni tanto in tranquillità con tuo marito sul divano o al cinema, se avresti voglia di uscire una sera con le tue amiche o di passare un pomeriggio alla spa con tua cognata come facevate una volta. Ora sei una mamma, vero, ma ricordati che in fondo sei ancora tu. E certo, magari i bei tempi in cui facevi la valigia e partivi improvvisamente per Ibiza con la tua migliore amica per dimenticare l’ultima delusione d’amore sono passati e non torneranno più, ma che male c’è a prendersi un po’ di tempo per se stesse?

Qual è il momento giusto? Questo lo puoi decidere solo tu. Può essere che dopo 10 giorni dalla nascita della bambina tu senta il bisogno di staccare un pomeriggio e di andare a rigenerarti alle terme, così come può essere che tu non riesca a staccarti da lei nemmeno per andare un’ora dal parrucchiere a sistemare il colore. Non saresti da biasimare in nessun caso. Certo è che, prima o poi, arriverà il momento in cui sentirai di doverti prendere il tuo tempo.

Come fare? Mentre sei a casa in maternità è materialmente più semplice, soprattutto se hai vicino qualcuno di fidato a cui lasciare il bebè, come tua mamma o tua suocera (e se hai una suocera, per così dire, particolarmente critica, sappi che quando si tratta di prenderti del tempo per te, va benissimo anche lei, tanto avrà da dire qualunque cosa tu faccia). Potresti anche affidarti ad una tata o, se non è contemplato nella tua uscita, puoi lasciare la piccolina al papà mentre lui non è al lavoro; non preoccuparti, dagli fiducia e ti stupirà. Non accadrà nulla di tragico, parlo per esperienza, mal che vada ritroverai tua figlia con il pannolino al contrario e il body sottosopra, che dorme sulla pancia del suo papà mentre lui guarda la partita.

Se invece hai deciso di prenderti la maternità per goderti a pieno la tua piccolina e decidi di ricominciare a frequentare il mondo dopo essere rientrata a lavoro, la cosa si fa un pochino più difficile, ma comunque fattibile. Sarai sicuramente una mamma multitasking che riesce sempre, non sai nemmeno tu come, a fare tutto in sole 24h. Prepari la colazione per tutti, ti lavi, ti vesti, prepari i vestiti da lavoro per tuo marito, svegli la bambina, la lavi la vesti, la porti al nido o dalla nonna, vai al lavoro, risolvi tutti i problemi che ti si presentano davanti come se fossero zanzare da schiacciare, esci da lavoro, recuperi la piccola, vai a fare la spesa, ti fermi un po’ al parco per farla giocare, fai il bucato, pulisci casa, stendi, stiri, fai un triplo salto mortale in mezzo alla sala mentre apparecchi la tavola, prepari cena, se va bene ti siedi con la tua famiglia a mangiare (se va male mangi gli avanzi in piedi mentre metti i piatti sporchi in lavastoviglie), pulisci la cucina perché, non si sa come, tuo marito e tua figlia fanno più briciole di un elefante che schiaccia una tonnellata di crakers dentro una vasca da bagno, lavi te stessa e tua figlia, la metti a letto, fai la moglie adorabile e, se sei nella lista delle mamme fortunate, tua figlia dorme tutta la notte o quasi e ti rimangono quindi quasi 6 ore di sonno (se invece sei nella mia stessa lista e tua figlia si sveglia ogni 2 ore da quando è nata e tu ci metti almeno 30 minuti ogni volta per riprendere sonno, ad occhio e croce, di quelle 6 ore che restano prima che suoni la sveglia dell’indomani mattina, tu ne passerai circa 4 a dormire, non consecutive ovviamente). Non che per le mamme che non lavorano la tiritera sia molto diversa. Semplicemente fanno tutto questo, senza schiacciare i problemi del lavoro come zanzare, ma con la piccola sempre tra i piedi che vuole giocare, fare merenda, lavare le mani, fare pipì, andare fuori, tornare dentro… Ecco, adesso, parliamoci chiaro, morirebbe anche Wonder Woman a vivere così. Eppure noi mamme lo facciamo sempre, e ne siamo anche felici. Pazze. Si. Pazze ma felici. Vuoi che non ci venga voglia ogni tanto di prenderci una mini pausa da tutto questo?

Ora, venendo al punto: dovremmo riuscire a trovare in mezzo a quel fittissimo elenco di cose irrinunciabili da fare, del tempo da dedicare a noi stesse. Come? Così:

  • Fatti aiutare. Da chiunque. Una signora che ti aiuta con le faccende domestiche se puoi permettertelo, tua mamma, tua suocera, anche tuo marito (è un uomo ma sa fare molte cose sotto ricatto, fidati!). Se ti metti d’accordo con una tua vicina di casa o con una tua amica sbrigare le faccende domestiche e preparare cena sarà più veloce e più divertente. Potreste oggi pulire casa tua e domani pulire casa sua. Oppure l’una potrebbe cucinare anche per l’altra a giorni alterni. O ancora oggi fai il bucato tu lasciando libera lei e domani viceversa.
  • Siamo nel nuovo millennio già da un po’: sfrutta la tecnologia. Fai la spesa online, qualche mamma la adora, qualche altra mamma la odia. Ma, fidati, non è così terribile se cedi ogni tanto: ti fa risparmiare dall’una alle due ore (potresti andare da parrucchiere o farti fare un massaggio rilassante in quel lasso di tempo!). Utilizza le applicazioni o i siti web anche per acquistare altri beni come vestiario, attrezzi, utensili o altri accessori. Certo, sono d’accordo con te, fare del sano e buono shopping per negozi è divertente e terapeutico, ma se devi prendere le ricariche del mangia-pannolini, gli occhialini da nuoto per tuo figlio che li ha appena rotti, o la borsa per il pc di tuo marito, credimi, Amazon andrà più che bene e, nel frattempo, potrai andare con tua cugina in quel fantastico negozio di scarpe di cui ti ha parlato settimana scorsa.
  • Distingui le faccende davvero irrinunciabili da quelle che si possono rimandare. Puoi fare la lavatrice domani, quindi non dovrai stendere e stirerai il giorno dopo: ecco qui l’oretta di pausa che puoi prenderti per fare un bagno caldo rilassante, o per bere una caffè con la tua migliore amica e fare quattro chiacchiere.
  • Pianifica: durante il weekend, come fai per la spesa e forse anche per il menù della settimana, scrivi. Scrivi tutto quello che hai in mente di fare. Su un pezzo di carta, sulla tua agenda, sul tuo smartphone, sul computer, sulla carta igienica, dove vuoi, ma scrivilo. In questo modo ti sarà più semplice realizzare una pianificazione realistica e potrai scartare più facilmente gli impegni da rimandare, inserisci nel tuo report giornaliero anche il tuo tempo libero e riuscirai effettivamente a prendertelo.

Bene, ora non mi resta che augurarti di godere a pieno ogni singolo minuto del tempo che ti prenderai. E non provare nemmeno a pensare di sentirti in colpa nei confronti della tua bambina, una mamma rigenerata è una mamma più serena, e una mamma più serena rende serena tutta la famiglia. Prenditi il tuo tempo.

Alessia


Ti potrebbe interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Accetto