Quando si sente il battito del feto per la prima volta?

Una volta scoperto di essere incinta, la futura mamma non vede l’ora di poter ascoltare il battito del suo bambino. Ma quanto tempo deve trascorrere prima di sentirlo? Quando ci si deve preoccupare? Scopriamo insieme tutto quello che c’è da sapere su questo evento emozionante. 

Quando comincia a battere il cuoricino

Solitamente il cuore dell’embrione comincia a battere intorno alla quinta settimana di gestazione, anche se la visualizzazione tramite ecografia transvaginale va preferibilmente effettuata a distanza di qualche giorno, ovvero intorno alla sesta settimana. In questa fase il cuore presenta la dimensione di un seme di papavero, ma ha un battito regolare: le pulsazioni sono comprese tra le 100 e le 160 al minuto. 

Tuttavia è ancora abbastanza presto per un ascolto nitido: i battiti, infatti, in questa fase, si confondono con quelli materni. 

Quando può essere ascoltato il battito

Non c’è che dire: sentire per la prima volta il battito del cuoricino del proprio figlio è una emozione davvero indescrivibile ed è anche la presa di coscienza effettiva che si porta una vita nel proprio grembo.

Il battito del feto può essere ascoltato per la prima volta grazie agli ultrasuoni in corrispondenza dell’undicesima o della dodicesima settimana di gestazione. È assolutamente sconsigliato eseguire prima questo controllo: gli ultrasuoni, infatti, pur essendo una tecnica sicura, se effettuati nella primissima fase della gravidanza possono potenzialmente arrecare problemi – seppure lievi –  al cuore del feto. 

Va anche detto che non sempre è possibile ascoltare il battito del cuore del feto, anche in questo periodo della gestazione: a volte, infatti, è la stessa posizione del piccolo a rendere difficoltoso l’ascolto.  Tuttavia questa circostanza non deve destare particolari preoccupazioni.

D’altra parte se ci sono problemi sarà il vostro ginecologo a segnalarveli, prescrivendovi, eventualmente, ulteriori esami. Come al salito è valido il vecchio detto secondo cui non bisogna fasciarsi la testa, prima di rompersela. 

Sei curiosa di conoscere esattamente qual è l’evoluzione del cuore del feto? Dai un’occhiata all’articolo di Mammawriter!


Ti potrebbe interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Accetto