Il mio sesto senso

“Dorme nel lettone? Non hai paura di schiacciarlo?”.
Quante volte avrete sentito rivolgervi questi interrogativi? Tante.
Quante volte, invece, avete letto o sentito un caso di cronaca per la morte di un bambino schiacciato dalla mamma nel lettone? Mai.
Sì perché la mamma e il proprio bambino creano una sorta di simbiosi, se così vogliamo e possiamo definirla.
Un legame naturale invisibile ed inscindibile che tiene sveglia la mamma se il bimbo è sveglio e che la addormenta solo se il bimbo dorme sereno.
Solo chi la prova può davvero capire questo legame speciale.
Non c’è nulla, davvero nulla di razionale in questa peculiare relazione ed è per questo che è davvero difficile da descrivere ma è così : una mamma avverte se il proprio bimbo è in pericolo.
Lo sente.
Quasi fosse un sesto senso, un potere paranormale che si sviluppa quando si diventa madri.
Stanotte tutt’un tratto, mentre mio marito si girava sul letto, pur dormendo profondamente, l’ho bloccato dicendo “attento c’è il piccolo dietro di te!!” poco prima che gli schiacciasse un braccino.
Com’è possibile?
Non lo so.
Non chiedetemelo.
È come se fossi sempre allerta, sempre a vegliare su di lui, sempre pronta ad intervenire, sembra conscia anche nell’inconscio.
Sì, non può definirsi altrimenti se non un “sesto senso” quello che mi porta a guardare mio figlio con quell’istinto di protezione che non mi fa sentir mai stanca nonostante le poche ore di sonno, che non mi fa accusare dolori muscolari nonostante i 6 kg sulle spalle, che non mi toglie mai il sorriso nonostante le innumerevoli cacche e rigurgiti.
Ed allora, all’ennesima domanda “ti fa dormire?” Io risponderei, una volta per tutte, “che dormire passa in secondo piano se quelle ore le regali a lui nei suoi primi mesi di vita,
che dormire diventa irrilevante dinnanzi ad una compensazione così grande quale é la certezza che lui stia bene, e che, seppur tornassi a dormire profondamente, il mio bimbo comparirebbe nei miei sogni così che possa vegliare su di lui anche nel sonno più profondo”.

Mamma Flavia


Ti potrebbe interessare anche:

2 commenti

  1. Condivido. Mio figlio l’ ho tenuto in mezzo a noi già dal quarto giorno di vita. Senza nessun timore di schiacciarlo, perchè sapevamo che era lì.Ho ascoltato semplicemente il mio cuore. Non ho mai ascoltato gli altri. E ora che lui ha quasi 11 anni mi rendo conto di aver sempre fatto bene a seguire il mio istinto.

  2. Quanto mi trovo d’accordo 😍😍 i primi mesi senza dormire sin duri ma è pur vero che in quelle nottate si crea un qualcosa di speciale con il proprio bambino… tutti dormono e voi due state li a guardarvi fissarvi e coccolarvi 💕💕💕

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Accetto